SCEGLI IL CINEMA
filtra per filtra per

L'Uomo che uccise Don Chisciotte

  • Uscita:
  • Durata: 132min.
  • Regia: Terry Gilliam
  • Cast: Robert Duvall, Adam Driver, Jonathan Pryce, Stellan Skarsgård, Olga Kurylenko, Joana Ribeiro, Óscar Jaenada, Jason Watkins, Sergi López, Rossy de Palma, Ewan McGregor
  • Prodotto nel: 2018 da GRÉGOIRE MELIN, SÉBASTIEN DELLOYE PER TORNASOL FILMS, ALACRAN PICTURES, ENTRE CHIEN ET LOUP, EURIMAGES
  • Distribuito da: M2 PICTURES

Film non più disponibile nelle sale

TRAMA

Toby, cinico regista pubblicitario, si ritrova intrappolato nelle bizzarre illusioni di un vecchio calzolaio spagnolo che crede di essere Don Chisciotte. Nel corso delle loro avventure comiche e sempre più surreali, Toby è costretto ad affrontare le tragiche ripercussioni del film realizzato quando era un giovane idealista, che ha inciso in modo indelebile sulle aspettative e sui sogni di un piccolo villaggio spagnolo. Riuscirà Toby a farsi perdonare e a ritrovare la sua umanità? Riuscirà Don Chisciotte a sopravvivere alla sua follia e a salvarsi dalla morte che incombe? Riuscirà l'amore a trionfare su tutto?

Dalla critica

  • Cinematografo

    Meglio fosse rimasto una chimera, un’utopia, una grande incompiuta. A conti fatti, ovvero a film visto, non è The Man Who Killed Don Quixote , bensì “The Film Who Killed Don Quixote”: un pastiche di arte e vita, palco e realtà, epica e prassi male amalgamato, molto pasticciato e vieppiù sprecato. Tanto rumore, anzi, tre decenni quasi di gestazione per nulla, per un roboante pugno di mosche: il documentario Lost in La Mancha (2002), sulla sua non realizzazione, è più realizzante del film infine realizzato. Povero Gilliam, che sulla Croisette (chiusura fuori concorso) ha perfino rischiato di non esserci: lui per un “colpetto”, il film per la querelle che l’ha contrapposto al produttore Paulo Branco, infine capitolato di fronte al giudice. Jonathan Price è un Don Chisciotte idealista e dileggiato, anche dolente ma vieppiù rincoglionito; il Sancho Panza e anche regista (Toby Grisoni) Adam Driver una vittima e un correo, sopra tutto, un attore che non sa dove buttare la testa, alla mercé di una sceneggiatura imbelle e caciarona; Olga Kurylenko è bionda, e nient’altro; la Dulcinea non di Quixote ma di Panza cagnescamente interpretata da tal Joana Ribeiro, mentre Jordi Mollà fa la nemesi. Nelle convergenze parallele tra Cervantes e film su Cervantes, all’interno di questo film su un film su Cervantes, Gilliam perde la barra, gli spettatori la speranza di un ubi consistam, un centro di gravità poetico-stilistica permanente e pertinente: migranti e mussulmani, russi danarosi di vodka, escort e schiavitù sessuale, a caval donato forse non si guarda in bocca, ma a cavaliere ritrovato sì, e purtroppo non c’è molto, se non la confusione e l’irresolutezza, la cialtroneria e la faciloneria a dare nell’occhio. Cantava qualcuno, l’importante è finire, caro Gilliam, e non necessariamente con un film. Ahilui, e ahinoi.

Cosa vuoi fare?

Idee per il tempo libero

SCOPRI TUTTI GLI EVENTI

Altri film nei dintorni

Un piccolo favore

  • Uscita:
  • Regia: Paul Feig
  • Cast: Anna Kendrick, Blake Lively, Henry Golding, Rupert...

Stephanie è una mamma blogger che cerca di scoprire la verità dietro la scomparsa della sua migliore amica, Emily....

Santiago, Italia

  • Uscita:
  • Regia: Nanni Moretti
  • Cast: Nanni Moretti

Il film-documentario racconta, attraverso le parole dei protagonisti e i materiali dell'epoca, i mesi successivi al...

Scheda e recensioni

Nel frattempo, in altre città d'Italia...